<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1613530318929908&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Da dentista a leader

Questo articolo è stato scritto da Federico Iemma, Consulente Senior Resp. Tecnico e Sales Specialist per Trenta2. 

Il mondo sta cambiando, sembra una considerazione ovvia. Il mondo cambia, si trasforma dalla sua nascita, e con esso la società, la cultura, i paesaggi, le abitudini. È talmente ovvio e scontato che spesso ce ne dimentichiamo. L'evidenza non ci basta. Il disagio imposto dal cambiamento spesso induce a negare che dobbiamo fare qualcosa.

Per ottenere nel nostro studio risultati paragonabili a quelli di qualche anno fa, oggi siamo obbligati a compiere azioni differenti, basarci su paradigmi che non avevamo mai preso in considerazione. Per molti questo è uno sforzo troppo grande, la speranza che tutto torni come un tempo, che “passi la crisi”, è una confortevole via di fuga, una meravigliosa giustificazione. Ma chi ha iniziato a lavorare ai tempi della “prima repubblica”, a meno che non sia un Highlander, non farà in tempo a vedere la rinascita economica. In un mondo che cambia, se non cambiamo anche noi, saremo travolti da un’onda che non ci sarà possibile contenere. Il mondo che conoscevamo prima del 2008 non tornerà più.

Perché l’uomo è così resistente al cambiamento? A quale elemento del cambiamento si reagisce con più forza? Il cambiamento porta con sé un elemento dal quale ognuno di noi rifugge con tutto se stesso. Porta problemi.
Confrontarsi con il cambiamento, gestirlo in modo produttivo, è una qualità che pochi posseggono. Per alcuni individui è naturale e spontaneo avere un atteggiamento efficace nei confronti delle situazioni più problematiche, altri subiscono causandosi maggiori tribolazioni e malumore. A questo proposito, noi di Trenta2 abbiamo creato il Corso Leadership Odontoiatrica, che si propone di trasmettere gli strumenti e gli atteggiamenti vincenti applicati dagli Studi Odontoiatrici che crescono.

Oggi non è più sufficiente essere “solo” un buon clinico, è necessario essere anche un manager. Forse l’università e le associazioni di categoria non ti considerano tale, ma il mercato nel quale operi, il comune in cui risiede la tua attività, lo Stato e l’Ufficio delle Entrate, SÌ! Per questi motivi è fondamentale conoscere le basi che governano un’impresa. Sei un buon clinico. Puoi diventare anche un buon leader e, infine, un ottimo manager.

Se vuoi approfondire gli argomenti della Leadership Odontoiatrica, oppure di Marketing Odontoiatrico puoi leggere gratuitamente i contenuti della nostra Academy.

Leggi i contenuti gratuiti
e approfondisci argomenti da Manager

VISITA L'ACADEMY

Dai un'occhiata anche a questi:

Commenti

0 Commenti