<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1613530318929908&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

I Costi Variabili dello Studio Dentistico

L'articolo "I Costi Variabili dello Studio Dentistico" è stato scritto da Gabriele Vassura, membro del board scientifico di AlfaDocs e autore del blog dentistamanager.it.

Definizione di Costi Variabili.

Per Costi Variabili di un'impresa si intendono tutti i costi che derivano dalla produzione vera e propria di un bene (oggetto, servizio o prestazione professionale). Lo stesso vale per uno studio dentistico. I Costi Variabili sono contrapposti ai Costi Fissi proprio perché legati all'attività vera e propria dello studio. Uno studio che effettua prestazioni genera implicitamente dei Costi Variabili che dovrà pagare, per esempio, ai fornitori. Uno studio che è inattivo, di contro, non genera alcun costo variabile. Inoltre, l’ammontare dei Costi Variabili dello Studio Dentistico è proporzionale ai volumi di prestazioni erogate e, quindi, varia (da qui il nome “variabili”) con il variare dell’attività.

Esempi e classificazione dei Costi Variabili.

I Costi Variabili dello studio dentistico sono tipicamente classificati in tre categorie:

 

Costi Variabili dello studio dentistico, su AlfaDocs Su AlfaDocs, puoi impostare i Costi Variabili di ciascuna prestazione in listino.

 

  1. Costi dei materiali: vanno ricompresi in questa categoria tutti i materiali di consumo necessari per l’esecuzione di una certa prestazione. Il materiale di consumo può essere monouso oppure no. Esempi tipici di materiale di consumo sono rappresentati da: guanti, frese, bicchierini, composito, bracket ortodontici, impianti, materiale per impronta, materiale per detersione e sterilizzazione degli strumenti chirurgici, ecc.
  2. Costi di laboratorio: ricadono in questa definizione tutti i costi che il professionista paga al laboratorio per la lavorazione e il confezionamento di manufatti protesici od ortodontici. Esempi tipici di costi di laboratorio sono rappresentati da: corone, ponti, intarsi, apparecchi ortodontici, colatura delle impronte, sviluppo e squadratura dei modelli, montaggio in articolatore, riparazioni, ribasature, ecc.
  3. Costi dell’operatore: sono rappresentati dal compenso che spetta al professionista che esegue la prestazione professionale, sia esso odontoiatra oppure igienista professionale. Anche l’eventuale medico specialista negli studi multidisciplinari ricade in questa categoria. È bene precisare che non ha nessuna importanza la qualifica di titolare di studio, oppure di collaboratore esterno, oppure ancora di consulente. Indipendentemente dal ruolo che l’operatore riveste all'interno dello studio, il suo compenso deve essere inserito come costo operatore. Anche nel caso che tale compenso sia solo figurativo e, quindi, non venga realmente corrisposto, esso deve essere regolarmente calcolato e considerato.

Calcolo dei Costi Variabili dello Studio Dentistico.

È opportuno che in ciascuno studio ogni prestazione venga analizzata in termini di Costi Variabili. Per ogni singola prestazione, deve essere noto il valore dei Costi Variabili necessari a produrla. In questo modo, con il crescere dei volumi di prestazioni eseguite, sarà possibile conoscere il valore dei Costi Variabili, da sommare a quello dei Costi Fissi. Conoscendo per ogni prestazione il valore dei costi di materiale, di operatore e (se del caso) di laboratorio, si ricava facilmente il valore dei Costi Variabili totali. Tali valori sono stimati in modo indicativo per una prestazione media eseguita in condizioni di normalità operativa e vengono definiti “valori medi standard”. La somma dei Costi Variabili di tutte le prestazioni rappresenta, infine, il totale dei Costi Variabili di uno studio, per volumi discreti di prestazioni eseguite di ciascuna tipologia.

Significato dei Costi Variabili.

I Costi Variabili di ciascuna prestazione sono un indicatore abbastanza attendibile del valore qualitativo della prestazione. Una riduzione volontaria dei Costi Variabili può essere facilmente effettuata, infatti, rinunciando a materiali, laboratori e, soprattutto, professionisti di qualità.

***

Ti interessa conoscere e gestire i fondamentali economici del tuo studio? Iscriviti al corso-email gratuito realizzato da AlfaDocs in collaborazione con Gabriele Vassura. Riceverai 7 lezioni tramite email, che ti insegneranno ad analizzare e migliorare la profittabilità del tuo listino.

7-lezioni-per-migliorare-il-listino

Dai un'occhiata anche a questi:

Commenti

0 Commenti